Jump to content
AntonellaF

Prolasso Sacco Guanciale E Massa Tumorale

Recommended Posts

ciao a tutti, appena iscritta e già chiedo il vostro aiuto.

Oggi alle 13 quando sono rientrata mi sono avvicinata alla gabbia della mia cricetina per salutarla e ho notato che inciampava su una bolla che le usciva dalla bocca, inizialmente ho pensato avesse trovato qualcosa e ci stesse gicando ma poi mi sono resa conto che cercava disperatamente con le zampette di strapparsi la sacca guanciale che era uscta per fuori. Nel pomeriggio l'ho portata dal veterinario che con una manovra l'ha riposizionata ma il riposizionamento durava al massimo 5 minuti dopodicchè la cricetina la rigettava in fuori, ha riprovato altre 2 volte ma niente stessa storia. Nel frattempo abbiamo notato un rigonfiamento nella bocca proprio sotto al naso che in parte le ha storpiato il muso, io nella mia ignoranza, siccome ha una gabbia piuttosto ampia e piena di giochi in legno, avevo pensato giorni fa che fosse caduta e avesse sbattuto il muso anche perchè tutt'ora la cricetina è sveglia, mangia, beve e si avvicina alla mano quando la chiamo, quindi mai avrei potuto pensare (sempre nella mia ignoranza) che quella potesse essere una massa tumorale. Il Vet dice che la cricetina rigetta la sacca in fuori perchè parte della bocca è occupata da questa massa e non c'è abbastanza spazio.... mi ha detto di tenerla comunque sotto controllo e mi ha dato un antibiotico da diluire i mezzo litro d'acqua per una settimana, po di riportarla a controllo..... ma la mia paura è... non è pericoloso lasciare la sacca penzalare fuori dalla bocca? In quali casi la sacca va asportata? Può avere problemi senza la sacca? e per la massa tumorale si può fare qualcosa? :hmm:

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Sì che è pericoloso lasciarla fuori, non ricordo bene cosa, ma mi pare che si necrotizzi il tessuto.

Senza una sacca, ha una sacca in meno da riempire, ma se serve farlo la si taglia.

Di dove sei?

Sul sito c'è un elenco di veterinari per esotici diviso per regione, altrimenti su altri siti si trovano altri veterinari che curano gli animali esotici.

I tumori si possono asportare, di solito, ma non bisogna temporeggiare troppo per ridurre il rischio che si formino metastasi.

Sei sicura che il veterinario sia competente per quanto riguarda gli esotici?

Quelli comuni hanno studiato per cani, gatti e qualche altro animale, di solito quelli da alimentazione, ma per piccoli mammiferi, uccelli o pesci bisogna cercare quelli specializzati. Anche per i conigli, che pure sono animali da carne, per curarli bisogna cercare l'esperto.

Che farmaco ti ha dato?

Quanto te ne fa diluire in mezzo litro? (suppongo sia la misura del beverino)

Il farmaco nel beverino è un metodo qrbitrario, perchè non è detto che l'animale beva sempre la stessa quantità.

Io cercherei il prima possibile, anche stanotte, il parere di un altro, nelle cliniche, molte fanno le 24 ore, c'è spesso almeno un esperto di esotici.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, grazie per la risposta. Dunque io non sò che antibiotico è, mi ha riempito una siringa e mi hadetto di diluirla in mezzo litro d'acqua, poi di riempire il beverino solo con l'acqua della bottiglietta, ma non credo sia possibile che un WW beve mezzo litro d'acqua in una settimana effettivamente. Io sono di Catanzaro, e ho letto l'elenco ma indica in Calabria solo Cosenza e Reggio Calabria ma ce ne stanno anche qui esperti in esotici.

Ma è possibile che vada in necrosi sotto antibiotico? Non riesce proprio a stare la sacca all'interno....

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Ma è possibile che vada in necrosi sotto antibiotico? Non riesce proprio a stare la sacca all'interno....

Su questo non sono sicuro, ma mi pare che siano 2 cose differenti, l'antibiotico lo avrà dato per la massa.

Una persona mi ha dato un nominativo, ma non so se facciano anche esotici, te lo mando in privato ma devi prima telefonare e chiedere specificamente se trattino anche criceti.

Però, se non lo facessero, non c'è tempo da perdere, vai tu dove lo fanno o telefona ai veterinari chiedendo se si appoggino ad uno studio nella tua zona. Purtroppo al Sud c'è poca copertura, bisogna spostarsi.

A parte il quantitativo di acqua bevuta, la procedura è inusuale: per gli antibiotici di solito ti danno la siringa graduata dicendoti di mettergliene in bocca un quantitativo. La dose varia, viene calcolata in base al peso.

Per questo non credo che il veterinario che lo ha visitato fosse competente per i criceti.

Oltretutto ti ha dato il tempo di una settimana, se la sacca non si rimette subito dentro va tolta.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Intanto: di che colore è la sacca?

Se è ancora rosa va idratata, vai da qualunque veterinario e fatti dare la soluzione fisiologica (non so se ce l'abbiano anche in farmacia), se è scura va asportata.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

La fisiologica si acquista anche in farmacia e parafarmacia... Se il tessuto è scuro, vuol dire che sta entrando in necrosi e va asportato immediatamente, poichè è un tessuto morto che può portare infezione. Non sono un vet e parlo solo per esperienza (la mia prima cavia ha avuto il prolasso del retto), ma ti assicuro che in questi casi una settimana di "osservazione" per vedere come va, è un'eternità! Io ti consiglierei di porre il tuo cricetino in una zona non polverosa, senza lettiera, al massimo potresti mettere della carta scottex e di irrigare il tessuto prolassato di frequente con fisiologica, per evitare che si disidrati... Stai sempre molto attenta che non si laceri la sacca guanciale e corri da un vet specializzato in esotici.

Edited by Silvì81

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Giusto, alla lettiera non avevo pensato.

Lo scottex (o altra carta come carta igienica o fazzoletti) che non sia colorato o profumato.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao!

Innanzitutto la manovra tentata dal Collega inizialmente e` stata corretta; non capisco pero` perche`, dopo l'ennesimo tentativo di riposizionamento, non ha pensato all'amputazione; un intervento rapido, non difficile e risolutivo.

Il fatto che ti abbia dato antibiotico da diluire in mezzo litro d'acqua mi fa pensare che il Collega non abbia la minima idea di come trattare qualsiasi caso di Animali Non Convenzionali.

Suggeriscigli, se non se la sente di operare, di fare qualche telefonata a qualche Collega della zona che se ne intenda un po` di piu` e di farsi spiegare cosa fare...

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Gent.mo Dottore,

La ringrazio innazitutto perla risposta. Dopo i vostri interventi e soprattutto ora grazie alla Sua conferma mi sono convinta anch'io che quel Veterinario non va assolutamente bene per i criceti e ahimè sarebbe dovuta essere sua coscienza indirizzarmi verso un altro specialista. Oggi pomeriggio infatti ho appuntamento qui a Catanzaro. Nel frattempo ho seguito scrupolosamente i preziosi consigli che ho ricevuto qui sul forum e sto idratando la sacca con soluzione fisiologica (la sacca è di colore rosa) inoltre oltre ad averlo spostato in una gabbietta più piccola per ridurre al minimo il rischio di traumi ho posizionato tutti arredi in plastica facilmente sterilizzabili e ho tolto anche la lettiera. Tengo a precisare che il cricetino è vispo e mangia e beve normalmente... speriamo bene entro stasera. Grazie a tutti, siete davvero fantastici.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o entra per commentare

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Registrati alla nostra comunità , è facile!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×