Jump to content
Sign in to follow this  
danis

Napoleone, Un Cucciolo Speciale

Recommended Posts

Non avrei mai pensato di scrivere qui sopra. No, sarò utopica, ma avrei voluto che il mio piccolo angelo Napino restasse con me per ancora altri 3 anni.

Ricordo il giorno in cui ti ho adottato: eri solo un cucciolo di 40 giorni, e te ne stavi sul piano di sopra della tua nuova gabbietta, andando vicino alle scale senza scenderle, perché avevi troppa paura. Da piccolo sei sempre stato un paurosone, ricordo che se solo ti spostavo un oggetto, pensavi ti volesse aggredire. Una volta ti spostai il beverino, e tu correvi verso di lui per capire cosa fosse, e poi di scatto correvi indietro. Facesti questo per circa 6 volte, poi ti avvicinasti completamente, lo picchiasti e te ne scappasti per paura che avrebbe risposto ai tuoi schiaffetti. ahaha. Un roborosky bellissimo. Come tale, non volevi che io ti toccassi. Ricordo che se ci provavo mi mollavi uno di quei morsi talmente forti da insanguinare tutta la stanza. Ma io non mi arrendevo con te. Perché, in fondo al mio cuore, sapevo che era solo uno scudo il tuo, e che se lo avessi meritato, avrei conquistato la tua fiducia.

Così fu, e diventammo inseparabili. Io non riuscivo a fare a meno di te, e lo stesso era per te. Volevi stare sempre steso sulla mia mano, saltavi davanti alla porticina della tua gabbietta per cercarmi, mi asciugavi le lacrime quando piangevo, ti addormentavi accanto a me, facevamo colazione insieme, e a volte, se mi distaccavo da te, piangevi. Anche io ero triste, se solo passavo 5 ore lontana da te. Quando mi svegliavo eri lì, reduce da una lunga nottata da corridore, ad aspettarmi per salutarmi prima di uscire, e la sera, puntuale, alle 7 e mezza uscivi dalla tua casetta per ricominciare a srotterellare. Abbiamo festeggiato insieme ogni compleanno. Fino all'ultimo, il terzo, e hai deciso che quello sarebbe stato il tuo ultimo giorno.

Eri, ahimè, cresciuto, e cominciavi ad avere dei piccoli acciacchi. Ho sempre cercato il veterinario adatto a te. Nessun esperto in esotici era alla tua altezza e ne abbiamo cambiati quattro. Sabato sera, eri lì, freddo, dimagrito, debole, a causa di un attacco di diarrea. Ti ho preso, e messo su un plaid, ti ho coperto, ma non riuscivi a muoverti. Decisi di provare a farti mangiare, e tu, da bravo mangione, tenevi stretto un chicco di orzo in bocca, ma non ti muovevi. Io e il tuo papino, allora cominciamo a pregare per te, fino a quando non ci fai vedere che sei di nuovo lì, tra noi, con la tua voglia di vivere. La sera sto con te, fino alle 4 per aiutarti a mangiare e bere, sminuzzandoti tutto a causa di un problema ai dentini. Il giorno dopo, alle 8, mi sveglio e controllo subito come stai. Eri lì che dormivi tranquillo. Il pomeriggio mi viene in mente di organizzarti una festa di compleanno anticipata(avrebbe compiuto tre anni ad agosto). Ci divertiamo, e tu guardi la tv appassionatissimo.

La sera, di nuovo insieme fino alle 3-4. Quella sera, volevi stare a tutti i costi nella mia mano. Quella sera, mi stringesti il dito al tuo petto con le tue braccine e gambette. Quello è stato il nostro ultimo saluto. Volevo addormentarti, per essere sicura che in quelle 4 ore in cui io avrei dormito, non ci sarebbe stato pericolo per te. E invece entravi e uscivi dalla casetta, e continuavi a mangiare. Sei stato il mio mangione fino all'ultimo.

Se quella notte non avessi dormito, tu non saresti morto. Se quella notte, ti avessi tenuto accanto a me, sulla mia mano, ora saresti qui a giocare con me. Ho cercato di darti tutto, di viziarti e coccolarti in questi tre anni, ti ho dato 3 ruote, 2 casine, 2 gabbie, 4 beverini, 3 ciotoline e tante cosine, perché eri il mio piccolino e non ti doveva mancare nulla.

Spero di averti dato almeno un pizzico di quello che tu hai dato a me. Spero sia riuscita ad essere la tua mamma, e la tua migliore amica e compagna di giochi e avventure.

Sono qui, adesso, da sola, che mi strazio, e quando apro il frigorifero e vedo le verdure penso sorridente "gliele porto a Napo", ma il sorriso si tramuta in lacrime amare.

Mi mancherai, piccolo coccolone mio con la puzza sotto il naso, e i capelli sempre pettinati.

Sei il figlio migliore che si possa desiderare. Ti voglio bene, non sai quanto.

Buon ponte, spero di averti dato e insegnato l'Amore.

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Buon Ponte piccolino :( Fai compagnia a Tino e divertitevi insieme!

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Che belle parole, commoventi soprattutto.. ed emerge il bellissimo rapporto fra te e il tuo piccolo. Ti capisco pienamente, un abbraccio! E Buon Ponte Napoleone!!

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Non devi essere triste lui ha vissuto una vita fantastica e intensa con te poi é arrivato il suo momento e vecchio e stanco a trovato il suo eterno riposo tu però non dovrai scordarlo mai prendi un oggetto che lui usava molto e quando sentirai la sua mancanza prendilo e odoralo così ti ricorderà lui.

Io so che significa perdere qualcuno cosi amato io ho perso la mia cucciolina era una cagnolina abbandonata di 15 giorni la notte piangeva e piangeva e io mi svegliavo alle 4 di notte per fargli il latte anche se l indomani dovevo andare a scuola passavo ogni momento con lei ma un giorno mentre pranzavo il mio al cane entrò nella stanza e la uccise fui io a trovarla il suo corpo giaceva a terra io cominciai a gridare poi venne mio padre la prese per sepperlirla e io gridai "No" quello fu il momento peggiore della mia vita perchè mi accorsi che lei non c era piu e la sua vita era finata e con la sua lo era la mia .

Mi manca tutto di lei il modo in cui mi ciucciava il dito il modo in cui mi correva ditro ma più di tutto mi manca il suo abbraccio. Aveva tutta la vita davanti era la mia bambina . io accecata dall odio presi a calci l altro cane e gli sputai addosso poi lo dato via e non lo ho più rivisto.

Quindi io ti capisco a me non resta più niente di lei ma tu puoi sapere di aver fatto un buon lavoro con il tuo criceto e ricordarlo felicemente per quello che era

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao sofia, le tue parole sono state molto belle e confortanti.sai, avevo bisogno di sentirle... Questa sera sono uscita, e non sai quanto mi sono sentita in colpa perche avrei voluto portargli il lutto, ma una mia amica mia ha spronata ad uscire xk vedeva che stavo tanto male. Il fatto è che mi sento tanto in colpa, xk x colpa di quel veterinario(era anche iscritto all associazione esotici pensa) l'ho perso, xk mi ha prescritto un antiinfiammatorio e antibiotico forse troppo pesanti per lui e io mi sento male xk ERO IO A DARGLIELI, e anche se non sapevo che gli facevano male mi sento come un'assassina.

Mi dispiace per la tua cagnolina, immagino quanto ci sia rimasta male, e quanto ti viene in mente anche ora. Purtroppo la loro vita è piu breve della nostra, e l amore che noi gli diamo, ci viene ricambiato triplicato.

Edited by danis

Condividi questo messaggio


Collega al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o entra per commentare

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Registrati alla nostra comunità , è facile!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×